Settimanale avventuroso di letteratura
Ricerca Nel Blog Di Mompracem:
Commenti players
Pagine
Categorie
Archivi
Commenti del giorno

novembre: 2010
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  
Sottoscrivi
MOMPRACEM

RECUPERARE LA MEMORIA: Igiaba Scego

di

Non di dove siamo, a quale luogo apparteniamo, ma dove sono questi luoghi dentro di noi: così potremmo parafrasare l’operazione di recupero della memoria di La mia casa è dove sono. La ricostruzione di una mappa, un percorso a ritroso fatto di luoghi (somali e romani) carichi di significato soggettivo ed emotivo e per questo […]

Non di dove siamo, a quale luogo apparteniamo, ma dove sono questi luoghi dentro di noi: così potremmo parafrasare l’operazione di recupero della memoria di La mia casa è dove sono. La ricostruzione di una mappa, un percorso a ritroso fatto di luoghi (somali e romani) carichi di significato soggettivo ed emotivo e per questo politico. Per nessuno dei cosiddetti scrittori migranti la scrittura è un atto politico come per la italiana e somala Igiaba Scego: una tradizione familiare (il padre ministro degli esteri, lo zio vittima di un sospetto omicidio politico, l’emigrazione a seguito del colpo di stato di Siad Barre) si accompagna a un voler dar voce polemicamente a un sè con radici qua e là, una soggettività complessa e non riconducibile alle due metà (italiana e somala) che si usano per descriverla. L’enfasi delle parole, la loro capacità evocativa, non spaventano Igiaba Scego, ma ci regalano la poesia e l’ironia di chi della parola ha fatto la propria patria.
More about La mia casa è dove sono

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

A cura di Giulia Gadaleta


Comments are closed.