Settimanale avventuroso di letteratura
Ricerca Nel Blog Di Mompracem:
Commenti players
Pagine
Categorie
Archivi
Commenti del giorno

giugno: 2010
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  
Sottoscrivi
MOMPRACEM

BALAS DE PLATA. Intervista a Élmer Mendoza

di

Puntata del 12 giugno 2010 Proiettili d’argento è un noir classico, ambientato a Culiacán – capitale dello stato messicano di Sinaloa, ma capitale anche del narcotraffico. La realtà descritta è così fuori dalle righe per grado di violenza e per contraddizioni che il suo protagonista, il detective Edgar “Zurdo” Mendieta, non lo è affatto, non […]

More about Proiettili d'argento

Puntata del 12 giugno 2010

Proiettili d’argento è un noir classico, ambientato a Culiacán – capitale dello stato messicano di Sinaloa, ma capitale anche del narcotraffico. La realtà descritta è così fuori dalle righe per grado di violenza e per contraddizioni che il suo protagonista, il detective Edgar “Zurdo” Mendieta, non lo è affatto, non ne ha bisogno. Risponde al canone classico dell’investigatore: quarantenne, amante della buona cucina, amante della letteratura, con un amore infelice nel recente passato e con una tendenza all’alcolismo e alla depressione. Capace di scelte difficili, integerrimo e indifferente alla possibilità di arricchimento illecito che il distintivo gli permetterebbe. Gli piacciono i casi difficili e sul filo del rasoio. Non ha problemi a mettersi contro i narcos. Però vive a distanza molto ravvicinata con loro. C’è una ambiguità di fondo nella imbarazzante contiguità tra mondo dell’ordine e mondo del disordine. Abbiamo incontrato il suo autore Élmer Mendoza a Torino alla Fiera internazionale del Libro e gli abbiamo chiesto come sia nato l’investigatore Zurdo e se diventerà un personaggio seriale.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

a cura di Giulia Gadaleta


Comments are closed.